Mattia Conti su IO DONNA (articolo di Monica Virgili)

Di sangue e di ghiaccio di Mattia Conti

MONICA VIRGILI

9788828200024_0_0_300_75Di sangue e di ghiaccio

di Mattia Conti

Solferino, pagg 335, euro 18

“Ma noi siamo di sangue, non di ghiaccio. E dobbiamo ricordarcelo, sempre, anche quando ci sembra di scioglierci…”. Le parole di Bianca non avrebbero mai più lasciato Ranocchia, “l’artista da teatro”.

Era stata lei, la maestrina, con i suoi occhi neri a punteruolo e il sorriso luminoso a insegnare a leggere amare e soffrire a quello strano ragazzo dalle membra rinsecchite da anfibio e la mente persa chissà dove. Quando poi è scappato di casa per recitare con quel guitto di Bandini, nessuno in paese ha più avuto dubbi: Ranocchia aveva perso il senno.

Così nel 1891 per il giovane artista si aprono le porte del manicomio di Como. Non che la vita fuori fosse mai stata facile, ma in quel luogo Ranocchia si sente “come un canarino appeso al davanzale il giorno di mercato”. Tra le vecchie mura della pazzeria si muove una umanità bizzarra martirizzata dalla pellagra, dalla fame e soprattutto dall’infermiera Clementina e dal Dottor Lucio.

Nell’istituto però è stata internata anche la ribelle Bianca, la sua maestrina, l’unica persona, a parte quel padre adottivo che era diventato Bandini, che sembrava sentire le cose come lui “nel petto e nelle ossa”…

C’è il mondo un po’ folle dei teatranti e quello oscuro di chi matto lo era davvero negli ultimi anni dell’Ottocento nel bel romanzo d’esordio di Mattia Conti. Personaggi inventati, ma simili a quelli di cui si sono perse le tracce nella polvere degli archivi degli ospedali psichiatrici.

Source: IO DONNA 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s